Bagaglio smarrito? Ecco cosa fare

Dopo esserci accertati che il nostro bagaglio non è sul nastro dobbiamo rivolgerci subito all’ufficio Lost & Found (bagagli smarriti). Solitamente il banco si trova sempre nell’area del ritiro bagagli, prima del passaggio dalla dogana.

Rivolgetevi a loro con in mano la ricevuta del bagaglio che  solitamente si trova attaccata al tagliandino della carta d’imbarco o sul vostro documento d’identità.

Una volta spiegato la vostra situazione allo staff dell’ufficio e fornito i riferimenti dei bagagli mancanti, l’addetto verificherà la posizione del nostro bagaglio. Se effettivamente risulterà non arrivato ci sono due possibilità: nella prima ipotesi, la migliore a mio avviso, il bagaglio è semplicemente in ritardo e verrà imbarcato sul prossimo volo per problemi organizzativi della compagnia (ad esempio la stiva piena o l’aver effettuato il check in poco prima della chiusura), solitamente parte in giornata o entro le successive 24 ore, nel caso peggiore invece, quello in cui il bagaglio non è stato trovato, vi verrà aperta la pratica per lo smarrimento.

 

Bagaglio in ritardo

Qualora vostro bagaglio dovesse risultare semplicemente in ritardo siete fortunati, in tal caso ne tornerete in possesso di solito entro 24 ore, 48 al massimo, pochi fortunati addirittura in giornata. Verrà infatti imbarcato sul prossimo volo disponibile, ovviamente il tempo della riconsegna dipende dalla frequenza dei voli della compagnia verso la vostra destinazione. Anche in questo caso avrete due opzioni, vi verrà chiesto se desiderate ritirare il bagaglio in aeroporto o preferite riceverlo gratuitamente a mezzo corriere presso un indirizzo a vostra scelta (hotel, casa, ecc.).
Bagaglio smarrito

Nel caso in cui siete stati più sfortunati e il bagaglio risulti effettivamente smarrito dovrete fare la relativa denuncia. Il modulo da compilare sarà il PIR (Property Irregularity Report), nel quale, oltre ai vostri contatti personali, come indirizzo in loco e numero di telefono dovrete fornire più informazioni possibile riguardanti il bagaglio, (colore, dimensioni, forma, marchio e altri dettagli indicativi della valigia interessata), vi consiglio di fare sempre una foto al bagaglio prima della partenza. Qualora vi fosse possibile, è consigliabile fornire una descrizione dettagliata del valore degli oggetti contenuti all’interno della valigia: vi tornerà estremamente utile qualora il bagaglio in questione dovesse essere dichiarato ufficialmente smarrito. A questo punto le pratiche per la ricerca del bagaglio perduto sono ufficialmente avviate. Come vi ho già accennato in precedenza, dovreste avere un riscontro nel giro di 24 o 48 ore. Sarete contattati da un membro dello staff della compagnia aerea non appena avranno informazioni riguardanti il vostro bagaglio. Alcuni aeroporti stanno già utilizzando World Tracer, un servizio di ricerca mondiale dei bagagli che consente di ottenere informazioni sulla localizzazione del bagaglio. Informatevi a questo riguardo e se vi è possibile tenete sotto controllo la ricerca del vostro bagaglio.


Come far fronte all’emergenza

In caso di bagaglio in ritardo o smarrito ogni passeggero ha la possibilità di appellarsi al Regolamento (CE) n. 889/02 per far valere i propri diritti. Secondo quanto stabilito dalla Convenzione di Montreal, le compagnie aeree devono offrire immediatamente ai propri passeggeri un kit con beni di prima necessità, quali articoli da toilette (deodorante, crema da barba, spazzolino da denti, dentifricio, ecc.), pigiama e un cambio di vestiti, oppure fornire dei buoni acquisto per provvedere autonomamente. Rivolgetevi direttamente alla compagnia aerea per sapere quali delle due possibilità vi sarà offerta ed eventualmente il margine di spesa. Mi raccomando, in questo caso, è fondamentale conservare tutte le ricevute di pagamento.


 

Risarcimento per bagaglio smarrito

Il bagaglio è da considerarsi ufficialmente smarrito se non viene restituito entro 21 giorni dalla data della denuncia. Secondo quanto stabilito dalla Convenzione di Montreal si possono ottenere fino a circa €1200 per distruzione, perdita, danni o ritardo dei bagagli, le compagnie che non ne fanno parte sono solite calcolare un rimborso di circa 20€ per ogni KG. Oltre che per i bagagli regolarmente registrati al check-in, il rimborso è applicabile anche nel caso in cui sia stato smarrito un bagaglio a mano, messo in stiva dalla compagnia aerea, solitamente per questioni di spazio o perché troppo ingombrante, come capita spesso con compagnie low cost. Anche in tal caso quindi, tutte le compagnie aeree hanno il dovere di fornire un risarcimento.

 

Come richiedere il risarcimento

Nei giorni successivi ai 21 giorni dalla data della denunciadel bagaglio si ha il diritto di richiedere un risarcimento. Sarà necessario presentare una lettera di reclamo presso gli uffici della compagnia aerea indicando in maniera chiara l’oggetto della propria richiesta e allegare i seguenti documenti:

  • La copia del documento PIR compilato al momento della denuncia
  • Una lista dettagliata sul valore dei beni contenuti all’interno della valigia (se avete qualche ricevuta è preferibile)
  • La copia del biglietto aereo
  • La copia della ricevuta del bagaglio in questione

 

Vi hanno negato il risarcimento?

Non è assolutamente finita qui, infatti, nel caso in cui la vostra richiesta di risarcimento venisse rifiutata, avete la possibilità di rivolgervi ad un giudice di pace o a una delle tante agenzie online che si occupano di assistere e far rispettare i diritti dei passeggeri. Le convenzioni internazionali e le precedenti sentenze emesse serviranno a sostegno della vostra causa.

713

You may also like

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *